Alternativa Liebherr

L’autogrù compatta LTC 1050-3.1 da 50 tonnellate con impiego in modalità elettrica supplementare soddisfa i requisiti per l’impiego nei cantieri “Zero Emission”.

Un doppio motore per rispettare l’ambiente

Anche nell’industria edilizia, le motorizzazioni devono essere in grado di ridurre le emissioni di gas serra, e Liebherr, fedele al motto “Zero emissioni, full power” ha sviluppato il motore elettrico per l’impiego della LTC 1050-3.1.

Il dott. Ulrich Hamme, direttore tecnico di Liebherr-Werk Ehingen GmbH, spiega: “Vogliamo offrire ai nostri clienti tutte le prestazioni della gru anche in modalità elettrica. Come prima, la LTC 1050-3.1 sarà equipaggiata con un motore a combustione, con carburante diesel o biocarburante HVO, per la guida su strada e il funzionamento della gru stessa. Tuttavia, potrà essere impiegata in modalità elettrica, in conformità al motto “Zero Emission”. Tutte le caratteristiche d’uso precedenti dell’autogrù vengono quindi mantenute, indipendentemente dal fatto che si operi in modalità elettrica o tradizionale”.

Massima flessibilità per la più alta compatibilità ambientale e il maggior vantaggio per il cliente

La nuova alternativa della LTC 1050-3.1 offre la migliore combinazione possibile di compatibilità ambientale, vantaggio per il cliente ed efficienza. Su strada e fuori strada, è alimentata da un motore a combustione convenzionale a basse emissioni, con livello di emissioni di scarico fase 5, che eroga 243 kW (326 CV).

Il motore può essere alimentato con carburante derivante da oli vegetali idrogenati (HVO) senza limitazioni, il che consente di risparmiare fino al 90 % delle emissioni di CO2 durante l’utilizzo, rispetto all’utilizzo di gasolio convenzionale.

Per l’operatività della macchina, a seconda delle condizioni di impiego, si può selezionare in modo flessibile il motore a combustione o quello elettrico. Quest’ultimo riduce al minimo le emissioni di aria e di rumore, rendendo la macchina adatta all’utilizzo in aree sensibili al rumore e in aree a “Zero Emission”.

Concetto di modalità elettrica semplice e intelligente: l’azionamento elettrico può essere utilizzato in modo flessibile

Il motore elettrico di nuova concezione, offre una potenza di 72 kW e consente quindi un funzionamento della gru senza limitazioni, ovvero quasi con le stesse prestazioni di quando si utilizza il motore a 6 cilindri. Per la trasmissione della potenza necessaria ai singoli movimenti della torretta, l’azionamento elettrico utilizza la pompa idraulica esistente, che nella LTC 1050-3.1 tradizionale è montata direttamente sulla linea della forza motrice della trasmissione Powershift.

Nella versione elettrica, al modello tradizionale della LTC 1050-3.1 vengono aggiunti solo il motore elettrico e un giunto di trasferimento della trasmissione, nonché tutto il sistema tecnologico di controllo necessario. Il giunto di trasferimento si trova direttamente tra la pompa della gru e la linea della forza motrice della trasmissione Powershift. Questa soluzione intelligente e al contempo semplice, permette una commutazione flessibile tra l’azionamento diesel-idraulico e quello elettro-idraulico.

È necessaria una corrente di cantiere di 125 (A) ampere per avere la massima prestazione elettrica, ma il funzionamento è possibile fino ad un minimo di 63 (A) ampere. In alternativa, se il cantiere non ha un impianto elettrico idoneo la gru può funzionare anche con un “Pacco Batterie” esterno disponibile in commercio.

Liebherr offre la versione elettrica della LTC 1050-3.1 per la versione con il sistema di sfilo telescopico TELEMATIK da 36 metri. Le opzioni RemoteDrive per guida con radiocomando e la cabina regolabile in altezza sono disponibili anche per la nuova gru. Sono in pieno svolgimento intensivi test dei prototipi con trazione elettrica, pertanto Liebherr prevede le prime consegne per il 2023.